Roma (RM) -Via Spalato 11 - 00198

Tel. e Fax. 06.86326449

Roma (RM) -Via Spalato 11 - 00198

Tel. e Fax. 06.86326449

image-838

facebook
youtube

confconsumatorilazio@ ALL RIGHT RESERVED 2020

confconsumatorilazio@ ALL RIGHT RESERVED 2020

confconsumatori.jpeg

Comunicati Stampa

TUTELIAMO I DIRITTI DEI CONSUMATORI

CONFCONSUMATORI LAZIO

Confconsumatori è un’associazione di consumatori senza scopo di lucro, indipendente da partiti, sindacati, categorie economiche e pubblica amministrazione. La sede nazionale si trova a Parma, dove è nata nel 1976, quando 437 donne organizzarono il primo sciopero dei consumatori in Italia, per fermare la speculazione sul prezzo del Parmigiano. Conta oltre 30.000 associati.

Esprime un componente all’interno del Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti (CNCU), organo rappresentativo delle associazioni dei consumatori e degli utenti riconosciute a livello nazionale, presieduto dal Ministro dello Sviluppo Economico. Inoltre, è associazione di promozione sociale.

TRUFFE BANCARIE E ONLINE

FATTURE ENERGIA E TELEFONIA

COMMERCIO E GARANZIE

Offriamo assistenza dal reclamo alla conciliazione, seguiamo l'intera pratica anche presso le Autorità per l'Energia e per le Telecomunicazioni.

Difendiamo i consumatori anche presso ABF e organismi preposti.

Assistiamo gli utenti in merito a beni e garanzie acquisiti sia di persona che online.

CONTATTACI PER CONOSCERE TUTTI I NOSTRI SERVIZI

AL VIA IL PROGETTO “IO DICO NO! No alla discriminazione, No alla violenza”

 

Coinvolti studenti, professori e genitori dell’Istituto Omnicomprensivo Ragioneria di Castelforte (LT), dell’Istituto di Istruzione Superiore "San Benedetto" (LT) e del Liceo Scientifico L.B. Alberti di Minturno (LT)

logo io dico no.jpeg

Roma, 28 aprile 2023 - Iniziano gli incontri presso gli Istituti scolastici coinvolti nel progetto di Confconsumatori Lazio Aps “IO DICO NO! No alla discriminazione, No alla violenza”, realizzato con i Fondi della Regione Lazio.

 Il 4 e l’11 maggio 2023 saranno i ragazzi dell’Istituto Omnicomprensivo Ragioneria di Castelforte a partecipare all’incontro organizzato dall’associazione, che verrà riproposto nei prossimi mesi anche presso l’Istituto di Istruzione Superiore “San Benedetto” di Latina ed al Liceo Scientifico L.B. Alberti di Minturno (LT).

 

IL PROGETTO - La Confconsumatori Lazio con i Fondi della Regione Lazio Programma Fondo Sociale Europeo Plus (FSE+) 2021-2027 realizzerà presso le scuole complessivamente 6 incontri tenuti  da esperti, finalizzati al coinvolgimento degli studenti (ma anche dei professori) per promuovere una riflessione condivisa sulle tematiche della violenza e della discriminazione, percepite sia dal vivo che sui social, con la piena partecipazione degli studenti mediante  interviste, attività teatrale  e realizzazione di  un video che racconti l’esperienza del laboratorio e raccolga le voci dei ragazzi/e sulle tematiche trattate. “Lo scopo principale - ha dichiarato l'avvocato Barbara D'Agostino, Presidente di Confconsumatori Lazio Aps – è quello di sensibilizzare i più giovani sui temi della educazione al rispetto e alla comunicazione non ostile, al fine di promuovere una gioventù attiva e consapevole, attraverso la realizzazione di specifici momenti formativi/partecipativi e di riflessione condivisa tra i ragazzi  che incentiveranno le studentesse e gli studenti alla non violenza e alla creazione di relazioni positive e paritarie.”.

 

GLI INCONTRI – Saranno organizzati, per ciascun Istituto, due incontri laboratoriali della durata di due ore che prevedono una attività didattica pienamente interattiva per i ragazzi/studenti. È inoltre previsto il coinvolgimento dei professori, chepotranno partecipare attraverso la realizzazione di specifici momenti formativi/partecipativi volti a educare la popolazione studentesca sull’importanza della non violenza. In particolare: nel primo step – primo giorno – mediante un approccio “giornalistico”, verrà montata una video intervista ai ragazzi che partecipano al progetto, al fine di raccogliere le voci, le esperienze e le opinioni, rendendoli protagonisti e partecipi; nel secondo step – secondo giorno - verrà svolta invece un’attività teatrale. La metodologia che si intende adottare è quella del Teatro Immagine, i giochi esercizi e i poliziotti nella testa. L’esperienza teatrale si basa sul presupposto che il dialogo è la dinamica comune e sana tra tutti gli esseri umani, che tutti gli esseri umani desiderano e sono capaci di dialogo, e che quando un dialogo diventa un monologo si cade in un rapporto di oppressione.

Il progetto è realizzato con i Fondi Regione Lazio Programma Fondo Sociale Europeo Plus (FSE+) 2021-2027 Obiettivo di Policy 4 “Un’Europa più sociale” Regolamento (UE) n. 2021/1060 Regolamento (UE) 

n.2021/1057- Priorità “Istruzione e Formazione” – Obiettivo specifico f).

logo confconsumatori lazio aps orizz (002) (002).jpeg
icone.jpeg

Processo MPS III: vicino il termine per costituirsi

 

Fissata al 12 maggio l’udienza del 

processo penale MPS III: 

Confconsumatori in prima linea per la tutela degli azionisti

judge-1587300_1280

Roma, 26 aprile 2023 – Sta per giungere a scadenza l’ultima opportunità di ristoro per gli azionisti MPS. Dopo i primi due processi penali si apre un terzo filone sugli NPL: il prossimo 12 maggio partirà il procedimento che riguarda i reati di falso in bilancio e false comunicazioni sociali, nonché falso in prospetto informativo (per sopravvalutazione di crediti NPL) commessi tra il 1° giugno 2014 e il 29 luglio 2016. Confconsumatori ricorda nuovamente che potrà costituirsi chi era titolare di azioni della banca in questo periodo di tempo, anche se comprate prima o vendute nel periodo di tempo stesso, ed è pronta a raccogliere la documentazione necessaria alla costituzione ancora fino al 4 maggio

 

PERCHÉ COSTITUIRSI PARTE CIVILE – Confconsumatori sta assistendo già alcune decine di azionisti (anche a distanza) che desiderano costituirsi come parte civile nel processo penale, allo scopo di ottenere – in caso di condanna degli imputati – un risarcimento per il danno subito dai reati oggetto del procedimento. 

 

ULTIMI GIORNI PER FARE DOMANDA – Sarà possibile presentare la domanda di costituzione di parte civile ancora per un breve periodo di tempo: infatti la documentazione necessaria deve essere raccolta e depositata entro la data dell’udienza, ovvero il 12 maggio 2023. Dopo quella data non sarà più possibile costituirsi per effetto della riforma Cartabia.

Si invitano, pertanto, gli azionisti interessati a raccogliere in breve tempo la documentazione necessaria che, se non già posseduta, potrà essere richiesta alla Banca: oltre ai documenti di identità serviranno, in particolare, la prova di acquisto delle azioni e un estratto conto titoli (o documento equivalente) con cui si possa dimostrare il possesso delle azioni nel periodo 1.6.2014 – 29.7.2016.

Confconsumatori è disponibile a raccogliere la documentazione dei cittadini entro il termine ultimo del 4 maggio 2023, al fine di consentire ai propri legali la redazione degli opportuni atti.

 

A CHI RIVOLGERSI – Gli azionisti interessati o che desiderano ricevere maggiori chiarimenti circa la possibilità di costituirsi parte civile nel processo MPS III possono scrivere all’indirizzo risparmio@confconsumatori.it oppure rivolgersi direttamente alle sedi di Confconsumatori sparse sul territorio italiano i cui recapiti sono disponibili qui: https://www.confconsumatori.it/gli-sportelli-di-confconsumatori/.

Eurovita: chi può sospendere il versamento dei premi

 

Dopo il danno della proroga del blocco dei riscatti, ora per molti risparmiatori è possibile risparmiarsi la beffa del versamento dei premi: ecco come chiedere aiuto

calcolatricerate

Roma, 4 aprile 2023 Buona parte degli investitori Eurovita possono interrompere il versamento dei premi fino allo sblocco dei riscatti, risparmiandosi quantomeno la beffa oltre al danno. Infatti, alla luce della recente proroga del congelamento dei riscatti, gli assicurati sono gli unici a sostenere l’onere della crisi della società, non potendo disporre liberamente dei propri risparmi. Confconsumatori sta assistendo tanti cittadini preoccupati per i propri investimenti in Eurovita e invita a rivolgersi ai propri sportelli per avere risposte e assistenza individuali.

 

CHI PUO’ SOSPENDERE I PAGAMENTI - A seguito del decreto del 30 marzo 2023, col quale il Ministero delle Imprese e del Made in Italy ha disposto l’amministrazione straordinaria dell’impresa in crisi di Eurovita, è stato prorogato, inaspettatamente, il divieto per gli assicurati di riscattare le proprie polizze vita. In altre parole I consumatori non possono accedere ai loro risparmi sostenendo così l’unico onere dell’attuale crisi. Pertanto, Confconsumatori ricorda che per le polizze di ramo I e III, a premio ricorrente, l’assicurato può interrompere il pagamento dei premi, così da risparmiarsi un’ulteriore beffa. «Non per tutte le polizze è così, - precisa Marco Festelli, presidente di Confconsumatori – ma evidenziamo che l’interruzione dei versamenti è possibile per la stragrande maggioranza dei prodotti Eurovita

 

CONSULENZA PERSONALIZZATA - Chi vuole approfondire la propria posizione di investitore/assicurato e la facoltà di sospendere il pagamento dei premi potrà chiedere aiuto a Confconsumatori Aps attraverso i diversi canali messi a disposizione dei tanti consumatori che i questi giorni stanno contattando l’associazione per ottenere rappresentanza e tutela sui propri risparmi:

Eurovita: confermata l’Amministrazione Straordinaria

 

Confconsumatori confida nel risanamento, chiede trasparenza e propone che, nel frattempo, le banche venditrici prendano in carico le polizze rimborsando i clienti

family-insurance-g9c78437cc_1280-e1680255395498

Roma, 31 marzo 2023 – Il Ministro delle Imprese e del Made in Italy, su proposta dell'Ivass, ha ufficialmente firmato il decreto che pone Eurovita in Amministrazione Straordinaria, con lo scioglimento degli organi di amministrazione e di controllo dell'impresa. Oltre a offrire chiarimenti e a confidare in un, seppur lento, risanamento dell’azienda che tenga conto dei doveri di trasparenza nei confronti dei risparmiatori, Confconsumatori propone che, nel frattempo, le banche che hanno venduto le polizze, prendano in carico le stesse nei propri bilanci, liquidando ai clienti il valore delle stesse ad oggi, subentrando nei diritti dei propri clienti. Una misura che eviterebbe riscatti massivi, minusvalenze per Eurovita e, soprattutto, danni ai risparmiatori incolpevoli.

 

PERCHÉ L’AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA - Se Eurovita viene posta in A.S. vuol dire che l’Ivass ha verificato che si è realizzata almeno una (o entrambe) delle due condizioni imposte dall’art.231 del Codice delle Assicurazioni, ossia: a) risultano gravi irregolarità nell'amministrazione, ovvero gravi violazioni delle disposizioni legislative, amministrative o statutarie che regolano l'attività dell'impresa; oppure b) sono previste gravi perdite patrimoniali.

 

QUANTO DURERÀ - L'amministrazione straordinaria ha la durata di un anno dalla data di emanazione del decreto ma l'Ivass può autorizzarne la chiusura anticipata se si realizza prima il risanamento. La procedura però può anche essere prorogata, su proposta dell'Ivass, per un secondo anno.

 

CHI AMMINISTRERÀ LA SOCIETÀ - Il governo della società in A.S. passa in mano ai Commissari straordinari nominati dall’Ivass (insieme al Comitato di Sorveglianza che svolge funzioni di controllo e supporto), i quali provvedono ad accertare la situazione aziendale, a rimuovere le irregolarità e ad amministrare l'impresa nell'interesse degli assicurati e degli aventi diritto a prestazioni assicurative.

 

I RISCHI PER I RISPARMIATORI - L'Ivass, in via generale con regolamento o in via particolare con istruzioni specifiche impartite ai commissari e ai componenti del comitato di sorveglianza, può stabilire speciali cautele e limitazioni nella gestione dell'impresa, come anche il blocco del riscatto delle polizze, al momento confermato fino al 30 giugno 2023. Questo è, ovviamente, l’elemento più pesante per i risparmiatori.

 

FIDUCIOSI MA TRASPARENZA PER I RISPARMIATORI - Marco Festelli, presidente di Confconsumatori, confida nel lavoro dei Commissari e di Ivass: «I commissari straordinari devono cercare di risanare l’azienda e devono acquisire preventivamente il parere del comitato di sorveglianza e l'autorizzazione dell'Ivass per la realizzazione di piani di risanamento che prevedano cessioni di portafoglio, di azienda o rami di azienda o di partecipazioni in altre società. I tempi pertanto non saranno brevi, anche perché per risanare una situazione patrimoniale 

 

come quella che si sta manifestando serviranno di certo interventi di soggetti terzi (Compagnie o banche distributrici delle polizze). Inoltre, i Commissari, poiché il bilancio relativo all'esercizio 2022 non è stato approvato, dovranno anche provvedere al deposito presso l'ufficio del registro delle imprese, in sostituzione del bilancio stesso, di una relazione sulla situazione patrimoniale ed economica redatta sulla base delle informazioni disponibili. La relazione sarà accompagnata da un rapporto del comitato di sorveglianza. Tale deposito potrà costituire un atto di trasparenza nei confronti degli assicurati, perché consentirà di comprender meglio l’effettiva situazione patrimoniale ereditata dai Commissari».

 

LA PROPOSTA DI CONFCONSUMATORI - Premesso ciò, per Confconsumatori appare necessario non lasciare i risparmiatori nel limbo della procedura e non scaricare su di loro le “inefficienze” di Eurovita. Per tale ragione l’avvocato Antonio Pinto, responsabile del settore prodotti finanziari e assicurativi di Confconsumatori, formula una proposta tecnicamente legittima e che di certo restituirebbe piena fiducia all’intero mercato delle polizze assicurative in Italia: «Se un cliente di Eurovita vuole riscattare la polizza, le banche che hanno distribuito le predette polizze potrebbero liquidare la polizza, ossia pagare al cliente il valore ad oggi della stessa, subentrando integralmente nei diritti del risparmiatore, (oppure, in subordine, acquisendo la polizza in garanzia) cosi prendendola in carico nel proprio bilancio (come posta attiva che compensa quanto liquidato al cliente) e portarla a scadenza. In tal modo si eviterebbero i riscatti massivi perché le polizze andrebbero in mano a soggetti istituzionali che possono attendere qualche anno per realizzare, si eviterebbero le minusvalenze per Eurovita e soprattutto si risolverebbero i problemi dei risparmiatori incolpevoli».

Eurovita: 

Confconsumatori chiede incontro con Ivass 

e il Commissario Santoliquido

 

I cittadini titolari di polizze meritano chiarezza, 

e una seria gestione dei reclami. 

Gli intermediari valutino un tavolo di conciliazione

insurance-3113180_1280.jpeg

Roma, 27 marzo 2023 – Da fonti di stampa autorevoli si apprende che Ivass avrebbe avanzato al Ministero delle Imprese e del Made in Italy la richiesta di avviare l’istruttoria per ammettere la compagnia assicurativa Eurovita all’amministrazione straordinaria. Per i clienti, questa procedura - della durata di un anno, e rinnovabile per un secondo anno - comporterebbe la proroga del blocco dei riscatti delle polizze, iniziato lo scorso febbraio a seguito del commissariamento della compagnia. A tutela dei cittadini, Confconsumatori chiede pubblicamente di potersi confrontare con Ivass e il commissario Santoliquido.

 

CHIAREZZA PER I RISPARMIATORI Visto l’approssimarsi della scadenza del 31 marzo, in cui terminerà il provvedimento che interrompe i riscatti, Confconsumatori chiede che l’Ivass e il Commissario di Eurovita, Alessandro Santoliquido, convochino un incontro con tutte le Associazioni dei consumatori rappresentate nel CNCU per fornire le informazioni essenziali sulla vicenda.

Confconsumatori considera positivo l’intervento dell’Ivass che ha agito razionalmente e tempestivamente per bloccare riscatti massivi che avrebbero generato minusvalenze per la Compagnia e perdite per tutti i risparmiatori Eurovita. 

Tuttavia, ad oggi i risparmiatori si trovano di fronte a una carenza di informazioni che deve essere colmata. Non è possibile, inoltre, lasciare sole le Associazioni dei consumatori che, responsabilmente, in questi due mesi hanno – insieme soltanto agli organi di stampa – fatto da scudo cercando di fornire risposte vere e tecnicamente fondate, rispetto alle numerosissime richieste di informazioni e alle legittime preoccupazioni dei risparmiatori

 

Secondo il presidente di Confconsumatori avvocato Marco Festelli: “Le risposte che chiediamo sono quantomeno quelle inerenti tre aspetti essenziali: 1) trasparenza sulla effettiva situazione patrimoniale della Compagnia; 2) se esiste un piano di salvataggio, quali tempi prevede e che tipo di sacrifici si intende richiedere ai clienti; 3) quali sono le disponibilità degli intermediari distributori, che nella vicenda hanno responsabilità contrattuali verso i sottoscrittori di polizze. L’unico modo serio per evitare il panico è dare chiarezza ai risparmiatori coinvolti; dopo due mesi di blocco dei riscatti non è più il tempo di generiche rassicurazioni. La chiarezza sui mercati si realizza anche coinvolgendo le Associazioni che sono i soggetti istituzionalmente dedicati alla tutela dei risparmiatori e possono fare da cinghia di trasmissione rispetto a ciò che sta accadendo e non sono in conflitto di interessi, come naturalmente è per gli intermediari distributori”. 

 

RECLAMI E CONCILIAZIONE Per l’avvocato Antonio Pinto, esperto del settore bancario e assicurativo dell’Associazione: “Alla luce di tale novità chiediamo al Commissario di Eurovita di irrobustire e riorganizzare un ufficio reclami vero, che non si limiti a risposte stereotipate e prive di concretezza, ma sia in grado di prendere in carico effettivamente i reclami e di interfacciarsi con gli uffici interni per risolvere almeno le problematiche che possono essere gestite (ad esempio quelle 

 

aventi ad oggetto polizze che sono nel perimetro della liquidabilità fissato da Ivass). Alle banche distributrici delle polizze chiediamo invece di valutare l’opportunità di costituire un tavolo di conciliazione per affrontare almeno i casi che documentalmente si comprovino più urgenti”.

 

CHIEDERE LA DOCUMENTAZIONE – Ricordiamo inoltre ai cittadini coinvolti l’importanza di ottenere le copie dei propri contratti: Appare utile che i risparmiatori chiedano agli intermediari distributori delle polizze Eurovita – ribadisce l’avvocato Pinto – la documentazione contrattuale completa per verificare la natura e le modalità di esercizio dei loro diritti di credito verso la Compagnia, nonché - per le polizze che hanno come sottostante prodotti finanziari - provvedano a costituire in mora la banca venditrice e interrompere i termini prescrizionali, ove siano state violate le norme di tutela in materia di obblighi informativi e di adeguatezza fra rischio del prodotto venduto e profilo di rischio effettivo del cliente. In tal caso, infatti, sarà possibile chiedere l’inadempimento contrattuale della banca venditrice e il risarcimento del danno subito rispetto alla somma investita”. 

 

Confconsumatori continuerà a seguire la vicenda che coinvolge circa 400.000 clienti risparmiatori con quasi 19 miliardi di euro di patrimonio in gestione presso la Compagnia e invita chi ha investito in polizze Eurovita a contattare le proprie sedi sul territorio: https://www.confconsumatori.it/gli-sportelli-di-confconsumatori/

 

Processo MPS III: chi può costituirsi

 

Fissata al 12 maggio l’udienza del processo penale MPS III: Confconsumatori pronta ad assistere i risparmiatori danneggiati

mpsgrande.jpeg

Roma, 16 marzo 2023 – Si apre una nuova opportunità di ristoro per gli azionisti MPS. Dopo i processi penali “MPS I” (ormai vicino alla conclusione) e “MPS II” (concluso in primo grado) si apre un nuovo filone processuale, “MPS III”, con udienza fissata il prossimo 12 maggio. Il procedimento riguarda reati di falso in bilancio e false comunicazioni sociali, nonché falso in prospetto informativo (per sopravvalutazione di crediti NPL) commessi tra il 1° giugno 2014 e il 29 luglio 2016. Pertanto, potrà costituirsi chi era titolare di azioni della banca in questo periodo di tempo, anche se comprate prima o vendute nel periodo di tempo stesso. 

 

PERCHÉ COSTITUIRSI PARTE CIVILE – Confconsumatori è pronta ad assistere, anche a distanza, gli azionisti che desiderano costituirsi come parte civile nel processo penale, allo scopo di ottenere – in caso di condanna degli imputati – un risarcimento per il danno subito dai reati oggetto del procedimento. Si ricorda che, a differenza dei processi in sede civile, gli azionisti ammessi come parte civile nel processo penale dovranno sostenere i costi vivi della procedura, ma non rischiano, in caso di soccombenza o di assoluzione degli imputati, di subire ulteriori spese non previste. Si segnala, a tal proposito, che gli azionisti costituiti nel filone MPS I hanno già ottenuto un risarcimento.

 

SOLO DUE MESI PER FARE DOMANDA - Sarà possibile presentare la domanda di costituzione di parte civile solo per un breve periodo di tempo: infatti la documentazione necessaria deve essere raccolta e depositata entro la data dell’udienza, ovvero il 12 maggio 2023, dopo la quale non sarà più possibile costituirsi per effetto della riforma Cartabia. Si invitano, pertanto, gli azionisti interessati a raccogliere da subito la documentazione necessaria che, se non già in possesso, potrà essere richiesta alla Banca: oltre ai documenti di identità serviranno, in particolare, la prova di acquisto delle azioni e un estratto conto titoli (o documento equivalente) con cui si possa dimostrare il possesso delle azioni nel periodo 1.6.2014 – 29.7.2016.

Confconsumatori raccoglierà la documentazione entro il termine ultimo del 28 aprile 2023.

 

A CHI RIVOLGERSI – Gli azionisti interessati o che desiderano ricevere maggiori chiarimenti circa la possibilità di costituirsi parte civile nel processo MPS III possono scrivere all’indirizzo risparmio@confconsumatori.it oppure rivolgersi direttamente alle sedi territoriali di Confconsumatori della Confconsumatori sparse sul territorio italiano i cui recapiti sono disponibili qui: https://www.confconsumatori.it/gli-sportelli-di-confconsumatori/.

Eurovita: perché richiedere copia dei contratti

 

Dopo il versamento di Cinven, Confconsumatori invita alla calma: richiedere copia dei contratti per avere consapevolezza sui rischi eventuali

family-g43228a206_1280-e1677083925605

Roma, 22 febbraio 2023 – Sono tantissimi i titolari di polizze Eurovita confusi e preoccupati per il commissariamento della Compagnia. Confconsumatori, nel confermare la fiducia nell’azione di Ivass e nella possibilità che la vicenda si risolva positivamente, ritiene che, al momento, nessuna azione giudiziale avrebbe alcun senso. Tuttavia, poiché gli eventuali rischi si differenziano in base al tipo di polizza acquistata, è consigliabile richiedere una copia del contratto per avere piena consapevolezza della propria posizione e delle tutele previste in caso (ad oggi molto remoto) di liquidazione coatta amministrativa. Infine, l’associazione ricorda che, oltre alle tutele previste dal Codice delle Assicurazioni, esiste sempre la possibilità di valutare la correttezza dell’operazione di acquisto per coloro che hanno comprato tramite intermediario.

 

SEGNALI POSITIVI PER I RISPARMIATORI – Per l’avvocato Antonio Pinto, responsabile del settore assicurativo di Confconsumatori: «L’intervento dell’Ivass è garanzia che si faccia chiarezza sulla reale situazione patrimoniale di Eurovita. È probabile che si trovi una soluzione positiva con la ricapitalizzazione della Compagnia, vista anche la notizia odierna del versamento di 100 milioni di euro dal socio Cinven in aumento capitale. Il fatto che gli attivi a copertura siano di poco inferiori alla soglia minima imposta da Solvency significa che i mezzi patrimoniali della compagnia sono ancora positivi. Ivass chiede che i livelli patrimoniali vengano alzati per tollerare rischi futuri, ma comunque oggi gli attivi patrimoniali che risultano dal bilancio appaiono sufficienti a fronteggiare i passivi».

 

NIENTE PANICO, MA CONSAPEVOLEZZA – Gli sportelli di Confconsumatori sono presi d’assalto da richieste di titolari di polizze Eurovita, comprensibilmente preoccupati e, spesso, confusi. «Invitiamo a non farsi prendere da un panico ingiustificato – avverte il presidente di Confconsumatori Marco Festelli - di certo non ha senso giuridico, oggi, avviare cause contro nessuno. Una cosa che invece appare utile è quella di richiedere a chi ci ha venduto la polizza, la documentazione contrattuale completa, così da avere piena consapevolezza di quello che si è firmato e di quale sia il contenuto effettivo della polizza. Questo consente di avere già i dati utili per il futuro qualsiasi cosa accada. Inoltre, sulla base dei documenti di contratto si potrà verificare se la propria polizza rientra fra quelle escluse dal perimetro della sospensione dei riscatti come le polizze previdenziali ramo I, quelle per eventi di rischio già realizzato, o scadute prima del 6 febbraio, che possono essere già oggi escusse senza nessun problema». In tal senso, Confconsumatori ha predisposto modelli di lettera reclamo per i propri associati, con cui richiedere i documenti contrattuali completi.

 

POLIZZE PREVIDENZIALI RAMO I – Si tratta dei prodotti più sicuri e fuori dal perimetro della sospensione dei riscatti. Infatti, nell’ambito di Piani Individuali Pensionistici o Fondi pensione aperti (in base al D. Lgs. 5.12.05 n.252, art.4) possono essere usate polizze assicurative vita di ramo I per costituire i fondi pensione istituiti da Compagnie assicurative. «In tal caso, - spiega Antonio Pinto - queste polizze possono avere la struttura di un patrimonio separato e autonomo a cui si applica l’art. 2117 Cod. Civ. e, quindi, quei fondi non sono per nulla aggredibili dai creditori della Compagnia e sono vincolati a ripagare i sottoscrittori delle polizze vita con contenuto previdenziale».

 

POLIZZE VITA RAMO I E III – Per le polizze vita ramo I, sia pure investite in gestioni separate, così come per le ramo III (polizze unit linked e index linked che investono in prodotti finanziari) occorre chiarire che la separazione dal patrimonio della Compagnia è solo contabile, ossia non vi è un’autonomia patrimoniale della gestione separata, per cui gli attivi a copertura degli obblighi verso gli assicurati rientrano nel patrimonio complessivo della Compagnia. In caso di liquidazione coatta amministrativa tali investitori avrebbero la priorità, subito dopo le spese della procedura stessa, in proporzione alle riserve matematiche accantonate dalla Compagnia. Come spiega Antonio Pinto: «Il vantaggio sia per i risparmiatori che hanno una polizza vita investita in una gestione separata (ramo I) o in una polizza vita di natura finanziaria (ramo III) è che godono di una priorità sancita dal Codice delle Assicurazioni in caso di liquidazione coatta amministrativa (ad oggi però non sussistono i presupposti) in base agli art. 258 e 260 del Codice delle Assicurazioni. Questo dato è positivo ma, per correttezza e completezza, deve esser considerato anche che all’art.258 comma 6 del Codice è chiarito che al pagamento dei crediti dei titolari di polizze vita va anteposto il pagamento di tutte le spese sostenute nel periodo della procedura di LCA, come ad es. gli stipendi dei dipendenti, i compensi degli organi e dei professionisti che lavorano durante la procedura ed altre spese che sono in prededuzione rispetto a tutto il resto e quindi ovviamente incidono sul quantum delle restituzioni, visti anche i tempi lunghi di queste procedure».

 

LA RESPONSABILITA’ DEGLI INTERMEDIARI – Per chi non ha acquistato direttamente, poi, si ricorda che la Direttiva IDD del 2018 fissa espressamente le tutele per i clienti che comprano da un intermediario. «Peraltro, - spiega Antonio Pinto - la Giurisprudenza è univoca fin dal caso delle polizze con sottostante Lehman Brothers, nell’affermare che le polizze con sottostante prodotto finanziario vanno assimilate – quanto a tutela del cliente – ai clienti che comprano direttamente un prodotto finanziario e pertanto si applicano le norme di tutela anche a loro, con la conseguenza che andrà verificato se l’intermediario ha rispettato gli obblighi informativi e di adeguatezza. Sulla base di quanto innanzi, il risparmiatore potrà inviare un reclamo alla banca o altro intermediario che gli ha venduto la polizza e costituirlo in mora interrompendo qualsiasi termine prescrizionale».

 

Confconsumatori continuerà a seguire la vicenda che coinvolge circa 400.000 clienti risparmiatori e invita chi ha investito in polizze Eurovita a contattare le proprie sedi sul territorio: https://www.confconsumatori.it/gli-sportelli-di-confconsumatori/.

SMS Spoofing: rimborsati oltre 12 mila euro a Roma

 

Aumentano le frodi telematiche, sempre più sofisticate. Confconsumatori ha ottenuto presso l’ABF un rimborso da oltre 12 mila euro per un cittadino di Roma

truffasmartphone

Roma, 25 gennaio 2023 – La fattispecie è più o meno sempre la stessa: prima arriva l’sms dall’Istituto di Credito (apparentemente dal canale ufficiale della banca) che allarma il consumatore con una minaccia: l’imminente blocco della carta, un accesso anomalo all’home banking, ecc. Dopo pochi minuti, ecco la telefonata dal finto operatore dell’Istituto che, sfruttando la vulnerabilità del cittadino confuso e preoccupato, porta a segno la truffa ottenendo informazioni per accedere al conto o inducendo il consumatore ad autorizzare operazioni online. Si chiamano SMS Spoofing e Vishing, si tratta di frodi ben congegnate, sempre più frequenti e che si scontrano, spesso, con il rifiuto, da parte dell’Istituto di Credito, a rimborsare il cliente danneggiato. Ma vale la pena di insistere: Confconsumatori, particolarmente attiva sul fronte delle truffe telematiche, continua a ottenere importanti vittorie di fronte all’Arbitro Bancario Finanziario, l’ultima, da oltre 12 mila euro, a Roma.

 

ROMA, RESTITUITI OLTRE 12 MILA EURO – Nel febbraio 2022 un cittadino di Roma aveva ricevuto un sms da un numero riconducibile all’Istituto di Credito presso il quale aveva il proprio conto corrente. Il messaggio invitava ad inserire con urgenza alcuni dati per evitare il blocco della carta associata al conto. Poco dopo era arrivata la telefonata del presunto addetto dell’Istituto il quale si offriva di guidare il cliente nelle operazioni di sblocco, dimostrando anche di conoscere la sua password. Al termine, un’altra telefonata, questa volta del centro antifrode, avvisava il romano di movimenti sospetti: sul conto, infatti, erano comparse varie operazioni – mai richieste - di pagamenti e prelievi per complessivi 12.248 €. L’Istituto di Credito aveva rifiutato ogni richiesta di rimborso, ma grazie all’intervento di Confconsumatori Roma il malcapitato si è rivolto all’Arbitro Bancario Finanziario e ha ottenuto la restituzione dell’intera somma sottratta.

 

«L’Arbitro – ha commentato l’avvocato Barbara d’Agostino, Presidente di Confconsumatori Lazio – ha statuito in pieno rispetto della normativa vigente che tutti i servizi di pagamento offerti elettronicamente devono essere prestati in maniera sicura, adottando tecnologie in grado di garantire l’autenticazione certa dell’utente e riducendo al massimo il rischio di frode. In questo caso, l’Istituto non ha prodotto una completa documentazione relativa alla registrazione, contabilizzazione e autenticazione delle operazioni disconosciute, non assolvendo in questo modo il proprio onere probatorio di autenticazione ed esecuzione, per tale motivo è stato condannato al rimborso delle somme illegittimamente sottratte dal conto corrente».

 

Scarica la decisione dell'Arbitro Bancario Finanziario.

 

LOTTA ALLE TRUFFE DIGITALI – Non si tratta di una vittoria isolata, Confconsumatori ha ottenuto diverse vittorie in materia di truffe digitali, un fenomeno purtroppo in aumento negli ultimi anni. Le numerose attività dell’associazione mirate a contrastare e prevenire le frodi telematiche sono consultabili sul sito di Confconsumatori.

Si segnala in particolare l’iniziativa “Chi ha paura del web?” e il webinar del dicembre 2022 il webinar “Prima e dopo la truffa digitale: strumenti di tutela del cittadino”: durante l'evento, numerosi esperti hanno affrontato il tema delle truffe di nuova generazione (ad esempio il QRishing), con un'attenzione particolare anche a quello che accade all’estero, e fornito indicazioni e consigli utili sia per prevenire i rischi, sia per tutelarsi dai danni da frode digitale.

Processo PwC – Veneto Banca: rinviata l’udienza a gennaio

 

I consumatori possono ancora costituirsi parte civile nel processo che vede coinvolta la società di revisione PwC

venetobanca1.jpeg

Roma, 8 novembre 2022 – È stata rinviata al 19 gennaio 2023 la prossima udienza del processo a carico della società di revisione PwC e di una sua dirigente, responsabile della revisione dei bilanci Veneto Banca. Gli azionisti hanno dunque ancora la possibilità di costituirsi come parte civile.

 

LE ACCUSE - Le accuse rivolte alla società di revisione contestano i reati di “ostacolo alle attività di vigilanza”, “illecito amministrativo dell’ente” e “falsità nelle relazioni e nelle comunicazioni dei responsabili della revisione”. Il GUP di Roma, disponendo il rinvio a Giudizio a carico dell’imputata e della società di revisione PricewaterhouseCoopers S.p.A., ha determinato una nuova e concreta possibilità per i risparmiatori azionisti e obbligazionisti subordinati di Veneto Banca di ottenere un risarcimento da una società molto solvibile, anche se ci saranno da affrontare ostacoli durante il dibattimento circa la giurisprudenza non univoca sui capi d’imputazione contestati e la loro idoneità a legittimare il risarcimento a tutte le parti civili.

Come già ribadito nei mesi scorsi da Confconsumatori, si tratta probabilmente del primo caso in Italia in cui, dopo un crac bancario, la società di revisione dei bilanci è direttamente imputata di aver contribuito, con propri dirigenti, alla stesura di bilanci irregolari.

 

LA POSSIBILITÀ DI COSTITUIRSI PARTE CIVILE - All’esito dell’udienza preliminare, il GUP del Tribunale di Roma aveva già ammesso come parte civile Confconsumatori APS, difesa dall’avvocato Barbara D’Agostino di Roma, per le gravi ripercussioni sui consumatori e sul mercato di borsa delle condotte ascritte al revisore.

Secondo il GUP di Roma, che ha rinviato la società e la dirigente a giudizio per il giorno 4 ottobre 2022 e poi nuovamente per il 19 gennaio 2023, i reati astrattamente commessi vanno dall’ostacolo alla vigilanza bancaria all’irregolare revisione dei bilanci (articolo 27 decreto legislativo 39/2010): pertanto gli azionisti della Banca e anche gli obbligazionisti subordinati hanno diritto a un congruo risarcimento dei danni.

        

L’ASSISTENZA DI CONFCONSUMATORI - L’associazione invita dunque nuovamente azionisti e obbligazionisti subordinati a costituirsi parte civile per chiedere il ristoro dei danni alla società di revisione, segnalando che possono costituirsi parte civile anche coloro che hanno venduto i titoli in perdita prima del crac bancario (prima del 2016). Confconsumatori è disponibile a raccogliere e inviare tutta la documentazione necessaria per la costituzione entro martedì 10 gennaio 2023.

        

Per ricevere ulteriori informazioni e assistenza invitiamo a contattare le sedi territoriali di Confconsumatori reperibili all’indirizzo www.confconsumatori.it/gli-sportelli-di-confconsumatori. Nel caso non ci fosse una sede di riferimento nella vostra zona, potete scrivere una mail a confconsumatori.roma@gmail.com.

Processo PwC – Veneto Banca: gli azionisti possono costituirsi parte civile

 

Dirigente PwC a giudizio per revisione bilanci irregolari: Confconsumatori ammessa parte civile. La prima udienza il 4 ottobre.

veneto-banca-sede.jpeg

Roma, 17 maggio 2022 – Arrivano novità rispetto al crac Veneto Banca: il GUP di Roma, la dottoressa Calegari, ha emesso il Decreto che dispone il rinvio a Giudizio per la società di revisione PwC e per una sua dirigente, fissando al prossimo 4 ottobre 2022 l’inizio del processo a carico dell’imputata, ex responsabile della società di revisione dei bilanci Veneto Banca. Gli azionisti sono ancora in tempo per costituirsi come parte civile nel processo.

 

LE ACCUSE - Le accuse rivolte alla società di revisione contestano i reati di “ostacolo alle attività di vigilanza”, “illecito amministrativo dell’ente” e “falsità nelle relazioni e nelle comunicazioni dei responsabili della revisione”. Il GUP di Roma, disponendo il rinvio a Giudizio a carico dell’imputata e della società di revisione PricewaterhouseCoopers S.p.A., ha determinato una nuova e concreta possibilità per i risparmiatori azionisti e obbligazionisti subordinati di Veneto Banca di ottenere un risarcimento da una società molto solvibile, anche se ci saranno da affrontare ostacoli durante il dibattimento circa la giurisprudenza non univoca sui capi d’imputazione contestati e alla loro idoneità a legittimare il risarcimento a tutte le parti civili.

Si tratta probabilmente del primo caso in Italia in cui, dopo un crack bancario, la società di revisione dei bilanci è direttamente imputata di aver contribuito, con propri dirigenti, alla stesura di bilanci irregolari.

 

LA POSSIBILITÀ DI COSTITUIRSI PARTE CIVILE - All’esito dell’udienza preliminare, il GUP del Tribunale di Roma ha già ammesso come parte civile Confconsumatori APS, difesa dall’avvocato Barbara D’Agostino di Roma, per le gravi ripercussioni sui consumatori e sul mercato di borsa delle condotte ascritte al revisore.

Secondo il GUP di Roma, che ha rinviato la società e la dirigente a giudizio per il giorno 4 ottobre 2022, i reati astrattamente commessi vanno dall’ostacolo alla vigilanza bancaria all’irregolare revisione dei bilanci (articolo 27 decreto legislativo 39/2010): pertanto gli azionisti della Banca e anche gli obbligazionisti subordinati hanno diritto a un congruo risarcimento dei danni.

        

L’ASSISTENZA DI CONFCONSUMATORI - L’associazione invita azionisti e obbligazionisti subordinati a costituirsi parte civile per chiedere il ristoro dei danni alla società di revisione, segnalando che possono costituirsi parte civile anche coloro che hanno venduto i titoli in perdita prima del crac bancario (prima del 2016). Confconsumatori è disponibile a raccogliere e inviare tutta la documentazione necessaria per la costituzione entro il 20 settembre.

        

Per ricevere ulteriori informazioni e assistenza invitiamo a contattare le sedi territoriali di Confconsumatori reperibili all’indirizzo www.confconsumatori.it/gli-sportelli-di-confconsumatori. Nel caso non ci fosse una sede di riferimento nella vostra zona, potete a scrivere una mail a sportello@confconsumatori.it.

locandina mon.jpeg

MONITORAGGIO E CONTROLLO PREZZI

ANNO 2022

monitoraggio

La Regione Lazio svolge attività di monitoraggio e sorveglianza dell'andamento dei prezzi, avvalendosi anche dell’opinione dei consumatori. Riuscire ad ottenere una visione costantemente aggiornata e quanto più chiara possibile, permetterà a tutti di intervenire prontamente, arginando eventuali fenomeni speculativi.
Pertanto ti invitiamo a compilare il seguente questionario in forma anonima.

aumento prezzi regione lazio.jpeg
iovogliosolooriginalelogo

Via al progetto

"Io voglio solo originale"

Lezioni online gratuite e un questionario per combattere la contraffazione in rete

ROMA, 19 marzo 2021 – Con l’aumento del traffico online nell’ultimo anno, soprattutto per gli acquisti, si è registrato, purtroppo, anche un incremento delle frodi e della contraffazione in rete. Per questo motivo, Confconsumatori Lazio e Ugcons hanno ideato e lanciato la campagna “Io voglio solo originale”, con l’obiettivo di prevenire e combattere i fenomeni di raggiro ai danni dei consumatori che ricorrono all’e-commerce per comprare beni alimentari e non solo. Nell’ambito del progetto, è stato realizzato un ciclo di sei webinar rivolti al cittadino per parlare di “sviluppo di internet”, “contraffazione sul web” e “mercato virtuale mondiale”. Le lezioni, accessibili gratuitamente al pubblico, sono condotte da esperti della materia che in modo divulgativo e chiaro spiegheranno come muoversi negli acquisti online in sicurezza, evitando truffe e contraffazioni.

I webinar riguardano i seguenti temi:

- L’agropirateria;

- L’introduzione al reato di agropirateria;

- Il mondo digitale e la contraffazione;

- La responsabilità degli intermediari online: e-commerce e i.s.p.;

- Contratti con influencer marketing
- Utilizzo di foto e immagine su web e social network.
 

COME SEGUIRE I WEBINAR - Per vedere alle lezioni online è sufficiente collegarsi al link https://www.iovogliosolooriginale.it/i-corsi. È possibile seguire anche solo uno dei corsi, in qualunque momento della giornata e da diversi dispositivi, interrompendo e riprendendo la visione, compatibilmente con i propri impegni. Il linguaggio degli esperti è semplice e accessibile a tutti.

 

IL QUESTIONARIO – Insieme al corso online, è stato lanciato anche un questionario sulla consapevolezza dei consumatori, disponibile sul sito www.iovogliosolooriginale.it.. Si tratta di un’indagine conoscitiva volta a comprendere la percezione del made in Italy e del fenomeno della contraffazione (e della trasgressione rispetto alla legge) da parte del consumatore. La compilazione è libera e anonima. Le risposte saranno analizzate da esperti ed elaborate per realizzare un report finale alla Regione Lazio.

“Anche in questo periodo di pandemia - commentano l’Avv. Barbara d’Agostino e Paolo Mattei quali organizzatori dell’iniziativa – riteniamo cruciale raggiungere l’obiettivo di accrescere l’informazione del cittadino-consumatore, sempre più sollecitato a misurarsi con il mondo di internet, tra potenzialità e rischi. Per questo le associazioni Confconsumatori Lazio e Ugcons Lazio hanno deciso di realizzare un ciclo di lezioni online, pensate come percorso educativo, liberamente fruibile da tutti i consumatori per migliorare la propria conoscenza, consapevolezza e sicurezza nell’affrontare le nuove sfide del web”.

Scarica le slides parte 2 qui a fianco

𝗡𝗨𝗢𝗩𝗢 𝗦𝗘𝗥𝗩𝗜𝗭𝗜𝗢

𝗜𝗟 𝗣𝗜𝗔𝗡𝗢 𝗗𝗘𝗟 𝗖𝗢𝗡𝗦𝗨𝗠𝗔𝗧𝗢𝗥𝗘 – 𝗥𝗜𝗦𝗔𝗡𝗔𝗠𝗘𝗡𝗧𝗢 𝗗𝗘𝗟 𝗗𝗘𝗕𝗜𝗧𝗢

soldi

La tua situazione debitoria è divenuta insostenibile?

E’ possibile verificare se è risanabile grazie al piano del consumatore e se ci sono presupposti e requisiti per farlo. La legge n. 3 del 2012 ha previsto la possibilità di una rinegoziazione dei propri debiti quando sono divenuti impossibili da sostenere. E’ necessario però effettuare una attenta analisi della propria situazione personale.

La Confconsumatori Lazio per i propri associati, avvalendosi di professionisti della materia, ha predisposto un servizio specifico a passaggi successivi che permette:

- Un primo colloquio conoscitivo gratuito;

- Raccolta della documentazione necessaria e predisposizione di una pre-analisi con stima dei costi;

- Avvio pratica presso l’OCC;

- Deposito del ricorso presso il Tribunale di competenza.

Se sei interessato richiedici un appuntamento

image-782

!!Confconsumatori:

sedi laziali in modalità ONLINE

 partito il 27 gennaio 2021 e terminerà il 30 Settembre 2021 il progetto finanziato dalla Regione Lazio in attuazione del D.M. del 10 agosto 2020 del Ministero dello Sviluppo Economico, per la realizzazione di iniziative a favore dei consumatori e degli utenti a seguito dell’emergenza sanitaria da Covid- 19 in collaborazione con Confconsumatori Lazio – Cittadinanzattiva Lazio Onlus – Adiconsum Lazio, Roma Capitale e Rieti – Casa dei Diritti Sociali Lazio.

Il progetto si prefigge due finalità: potenziare la rete fisica di sportelli presenti sul territorio nonché implementare l’assistenza ai consumatori e utenti attraverso strumenti di comunicazione digitale su diverse tematiche causate dalla pandemia da Covid-19.

Nel periodo del primo lockdown, partito l’8 Marzo 2020, si sono verificate una serie di emergenze sociali legate alla pandemia, dalle fake news alla ludopatia, dal cyberbullismo al furto di identità digitale, dalle pratiche commerciali scorrette per indurre i cittadini all’acquisto di beni e servizi alla diffusione di strumenti digitali per la PA (l’uso dello SPID ad esempio).

L’U.Di.Con Regionale Lazio e le associazioni coinvolte nel progetto implementeranno, nel periodo indicato, sportelli e canali cercando di assistere i cittadini nel disbrigo delle pratiche legate a disservizi, ricorrendo anche alle conciliazioni ma non solo, sarà realizzata una campagna comunicativa per approfondire alcune tematiche attraverso webinar, video-pillole, infografiche specifiche, da veicolare sui diversi canali web e social al fine di fornire assistenza e consulenza sulle tematiche elencate e aiutare i consumatori a districarsi nelle controversie derivanti dai disagi legati alla pandemia.

Parte dei fondi sono stati infine destinati all’acquisto di tablet che saranno distribuiti ad alcuni istituti scolastici nel Lazio, una scelta presa per venire incontro alle famiglie disagiate con figli in età scolare che non hanno i mezzi per poter partecipare alle lezioni a distanza, favorendo una maggiore inclusione di queste persone nella collettività.

Provincia di Roma:                                                                                    Provincia di Latina:
inviare una mail a confconsumatori.roma@gmail.com;                       inviare una e mail a confconsumatorilatina@gmail.com;
telefonare al numero 06.86326449;                                                         telefonare al numero 3495000314

lasciare un messaggio sulla pagina facebook                                         lasciare un messaggio sulla pagina facebook
Orari di apertura: dal Lunedì al Venerdì dalle 15.30 alle 18.30            Orari di apertura: dal Lunedì al Venerdì dalle 10.00 alle 12                                                                                                                             e dalle 16.30 alle 19.00

Provincia di Rieti:                                                                                       Provincia di Frosinone:
inviare una mail a info@confconsumatoririeti.it;                                   inviare una mail a confconsumatorifr@libero.it;
telefonare al numero 0746.1970162                                                        telefonare al numero 328.8817431- 339.5483370;
orari di apertura: mercoledi e venerdi dalle 16 alle 18.30                    Orari di apertura: martedì e giovedì dalle 16 alle 19

Provincia di Viterbo

inviare una  mail a confconsumatori.viterbo@virgilio.it

telefonare al numero 0761.515843

Orari di apertura dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14.30 alle 17.30

Gioco d’Azzardo Patologico

 

Comprendere il meccanismo e le regole psicologiche del giocatore d’azzardo

carica le slides col pulsante qui sotto

image-135
progetti

Come contattarci

pinsharpcircle625

Dove Siamo

225

HAI DELLE DOMANDE?

 

Siamo presenti in tutto il Lazio. Trova e contatta la sede più vicina alla tua posizione...

CHIAMACI SUBITO

e prendi un appuntamento!

209

Sedi

weightedstoragecube62

I NOSTRI PROGETTI

Le sedi Confconsumatori
del Lazio sono a Tua disposizione, non esitare a contattarci

Vai alla sezione dedicata alle nostre guide ed i nostri progetti...

Dicono di noi

135
136

Acquisti senza sorprese: l'etichetta energetica

Nella Rubrica di Attenti al Lupo dedicata agli “Acquisti senza Sorprese”, l’avvocato Barbara D’Agostino, Presidente Confconsumatori Lazio, spiega come leggere l’etichetta energetica degli elettrodomestici.
16 ott 2019

Acquisti senza sorprese: le garanzie

Nella Rubrica di Attenti al Lupo su Tv 2000 dedicata agli “Acquisti senza Sorprese”, l’avvocato Barbara D’Agostino, Presidente Confconsumatori Lazio, spiega come funzionano le garanzie legali.

25 ott 2019

Nella Rubrica

di Attenti al Lupo su Tv 2000

Nella Rubrica

di Attenti al Lupo su Tv 2000

130
130
Come creare un sito web con Flazio